Tradizioni Romane

Tradizioni Romane
Tradizioni Romane
 ARRIVO
   PARTENZA
 
Prenotazioni last minute Hotel scontati a rome personal guide
Carnevale Romano

Anche se estinto da oltre un secolo, il Carnevale Romano occupa un posto di rilievo fra le tradizioni popolari più importanti della città. Consisteva in una colossale festa pubblica della durata di otto giorni, che si chiudeva la notte del Martedì Grasso, con l'avvento della Quaresima. In realtà i festeggiamenti cominciavano undici giorni prima, di sabato, ma il venerdì e la domenica erano vietate le corse e le mascherate, così i giorni effettivi si riducevano a otto. L'importanza della festa per i romani veniva accresciuta dal fatto che solo durante questo breve periodo era consentita la trasgressione di alcune rigide disposizioni in materia di ordine pubblico, in gran parte basate su codici religiosi.
I tutori dell'ordine erano inflessibili a farle rispettare nel resto dell'anno, e in particolare durante l'imminente Quaresima, quando persino le commedie a teatro erano proibite per non turbare lo spirito pasquale Il primo luogo dei festeggiamenti del Carnevale Romano fu piazza Navona, allora platea in Agone, dove sin dal medioevo si svolgevano tauromachie e tornei di cavalieri consistenti nel colpire un bersaglio rotante (un saracino) oppure infilzare un anello con una lancia.
Verso la metà del '400 i festeggiamenti cambiarono sede per ordine di papa Paolo II, che essendo veneziano colse l'occasione per valorizzare il suo Palazzo Venezia appena costruito, ovviamente in piazza Venezia, a ridosso della basilica di S.Marco (quando si dice la mancanza di casa!).
Come teatro delle feste carnascialesche fu scelta l'adiacente via del Corso, allora ancora chiamata via Lata (periferia nord della Roma rinascimentale), che ancor prima, in epoca romana, era stata il tratto urbano della via Flaminia.
Di giorno erano in molti a travestirsi. Dopo il tramonto era ancora lecito farlo, ma senza indossare maschere sul volto, per motivi di pubblica sicurezza; tali maschere, di cera o cartapesta, erano così popolari da costituire per i venditori una vera nicchia di mercato, per tutta la durata del Carnevale. Persino preti, frati e monache facevano baldoria, anche se nell'ambito dei rispettivi conventi (non in strada); erano ammessi musica, balli, pranzi sontuosi, e anche qualche innocente travestimento.
L'evento più atteso era la Corsa dei Barberi, cioè dei cavalli berberi, una razza non molto alta ma muscolosa; questa aveva sostituito nel favore popolare la corsa ormai vietata degli storpi.
Si ripeteva ben otto volte, quanti erano i giorni di feste, e si svolgeva poco prima del tramonto.


25 aprile: Festa di Pasquino
Roma ha molte statue “parlanti” ossia statue sulle quali di notte il popolo romano era solito affiggere lettere di proteste contro i soprusi e le immoralità del Papa. Ricordiamo le statue di Marforio, Babuino, Abate Luigi, Madama Lucrezia ma quella che è festeggiata ancora oggi con grande entusiasmo è la statua di Pasquino. La festa si svolse per la prima volta il 25 aprile del 1508 in occasione della festa di San Marco Evangelista. I giovani studenti ed i docenti dell’Archiginnasio della Sapienza ogni anno erano soliti addobbare la statua di Pasquino con una maschera mitologica che si addiceva al tema sul quale vertevano gli epigrammi composti per la festa. In quel periodo gli epigrammi erano ben accetti dal Pontefice perché non veniva denigrato, negli anni successivi ( fino al 1870, anno della caduta del potere pontificio) però i versi divennero mordaci e quindi temuti soprattutto dal clero.

20 settembre
Il 20 settembre per i Romani ma anche per tutti gl’Italiani è una data che ricorda un evento storico fondamentale per la nazione: la breccia di Porta Pia del 1870. Siamo nel periodo risorgimentale, in Italia si sono susseguite ben tre lotte per l’indipendenza e in molte città italiane i plebisciti hanno sancito l’annessione al Piemonte. Sembra irrisolta la questione romana, il Papa non vuole scendere a compromessi. E’ l’artiglieria guidata dal generale Cadorna che riesce ad aprirsi un varco nelle Mura Aureliane, presso Porta Pia, e ad entrare a Roma proclamandone l’annessione all’Italia. Roma diventa capitale d’Italia. Dal 1895 su iniziativa di Francesco Crispi viene stabilito di festeggiare l’episodio con una grande manifestazione.
Roma Hotel Venezia Hotel Firenze Hotel Milano Hotel

Roma

Caput Mundi, città eterna, questi sono solo alcuni degli aggettivi che si sprecano, per questa città fatta di storia. Soggiorno consigliato da 3 a 5 giorni

Venezia

La città lagunare è una delle mete turistiche d'elite più famose e particolari del mondo. Romantica e raffinata ospita strutture ricettive di altissimo livello

Firenze

Città dell'arte per eccellenza., il miglior modo per visitare Firenze è lasciarsi trasportare senza fretta dal fascino e dalla bellezza delle sue opere. Consigliati 2 week-end

Milano

Considerata da tutti la capitale d'Italia per l'economia e gli affari, riserva altresì molti lati nascosti per il turista attento. Oltre 400 hotel.
romepersonalguide.it - Copyright 2008